Omicidio in un appartamento, uccide la moglie poi chiama le forze dell’ordine

Un uomo di 76 anni, questa mattina a Parma, avrebbe ucciso la moglie con un colpo d’arma da fuoco poi ha chiamato il numero unico per le emergenze.

Polizia
Polizia (Yahoomagazine.com)

Femminicidio questa mattina a Parma, dove un uomo di 76 anni ha ucciso la moglie, sua coetanea, con un colpo d’arma da fuoco all’interno dell’abitazione in cui la coppia viveva. Subito dopo, lo stesso anziano ha chiamato il numero unico per le emergenze raccontando quanto era appena accaduto.

Immediato l’arrivo degli agenti della Polizia di Stato presso l’appartamento. Per la vittima era ormai troppo tardi. Il marito era ancora in casa ed è stato arrestato. Ora sono in corso le indagini per ricostruire la dinamica del delitto e chiarire le ragioni che avrebbero spinto l’uomo a compiere un simile gesto.

Parma, spara alla moglie 76enne poi chiama il 112: “Venite, l’ho ammazzata”

Polizia
Polizia (Yahoomagazine.com)

Una donna di 76 anni, Silvana Bagatti, è stata uccisa questa mattina, mercoledì 15 maggio, all’interno della sua abitazione di Parma.

Secondo le primissime informazioni sull’accaduto, riportate dalla redazione de Il Resto del Carlino, ad uccidere l’anziana sarebbe stato il marito, suo coetaneo, che avrebbe imbracciato un fucile da caccia e sparato alla coniuge colpendola al volto.

A lanciare l’allarme sarebbe stato lo stesso 76enne che, pochi istanti dopo il delitto, avrebbe chiamato il numero unico per le emergenze dicendo all’operatore: “Venite, l’ho ammazzata”. Ricevuta la segnalazione, presso l’abitazione, sita in via Marx, sono arrivate le volanti della Polizia di Stato.

Una volta sul posto, gli agenti hanno ritrovato in casa la donna ormai priva di vita ed il marito che è stato arrestato e accompagnato in Questura per essere sentito. Intervenuti anche il medico legale, che ha constatato il decesso della 76enne, ed il magistrato di turno.

In corso le indagini sul caso

Ora gli agenti stanno effettuando i rilievi nell’appartamento ed hanno avviato le indagini in modo da chiarire la dinamica ed il movente del femminicidio. Da quanto emerso al momento, pare che la vittima fosse da tempo malata e non si esclude che il 76enne possa aver agito per via delle condizioni della moglie. La coppia non aveva figli.

Impostazioni privacy