Attentato a Mosca, due arresti dopo la strage di ieri a teatro con 143 morti e 145 feriti | VIDEO

La strage avvenuta nell’attentato a Mosca ha causato un numero impressionante di vittime. Le immagini sconvolgenti, ci sono svariati arresti.

Attentato a Mosca, gli ultimi aggiornamenti: arrestate 11 persone
L’attentato a Mosca (Yahoomagazine.com)

L’attentato a Mosca avvenuto nel corso della serata di venerdì 22 marzo 2022 ha scosso la Russia, che ha sempre pensato a dare di sé una idea di Stato forte, imbattibile. L’assalto perpetrato ai danni dell’Ucraina è stato manipolato ad arte dal Cremlino per fare credere alla popolazione che si tratti di una operazione del tutto diversa da quello che è nella realtà.

E le autorità locali e nazionali per prime mai si sarebbero aspettate di subire qualcosa di così traumatico. Invece è avvenuto questo attentato, che secondo gli ultimi aggiornamenti arrivati nelle prime ore del 23 marzo, avrebbe causato come minimo 143 morti e più di 145 feriti, con anche diversi bambini rimasti uccisi.

Teatro dell’attentato a Mosca è stato il Crocus City Hall, il più grande teatro della capitale russa. Le persone che hanno commesso la strage sarebbero almeno tre – ma si pensa che possano essere come minimo cinque – e secondo i testimoni indossavano delle tute mimetiche. Una volta entrati nella sala principale, gli attentatori hanno aperto il fuoco all’impazzata contro la folla con delle mitragliatrici.

Le agenzie di informazione russe parlano anche di impiego di una granata o di una bomba incendiaria, il cui impiego ha causato un rogo. Riguardo a chi possano essere gli autori di questo attentato a Mosca, ci sono diverse ipotesi.

Attentato a Mosca, chi sono i responsabili

Attentato a Mosca, gli ultimi aggiornamenti: arrestate 11 persone
Gli autori dell’attentato a Mosca (Yahoomagazine.com)

Si parla di una cellula dell’Isis, meglio nota come Isis-K, lo Stato islamico dell’Iraq e del Levante, come fatto sapere dalla CNN. Invece sin da subito l’Intelligence dell’Ucraina ed il Corpo dei Volontari russi – composto da dissidenti politici contrari a Putin e che combattono per Kiev – hanno affermato di essere del tutto estranei a quanto successo.

E ci sarebbe stato anche di un avvertimento dato dagli Stati Uniti alla Russia in merito alla possibilità che quest’ultima potesse subire degli attentati. L’Isis-K si è fatta sentire attraverso Telegram, i cui messaggi non sono tracciabili come del resto con qualsiasi applicazione di messaggistica istantanea. C’è comunque cautela in merito a questa rivendicazione.

Questo attentato ha avuto luogo per la precisione nella località di Krasnogorsk, alla periferia di Mosca, ed è avvenuto per colpire i cristiani, come affermato dalla stessa Isis-K. Che poi ha anche aggiunto che i suoi membri sono rientrati nelle rispettive basi dopo l’avvenuto attentato.

Ma le forze di polizia russe hanno confermato l’arresto di due sospetti. Successivamente, nella mattinata di sabato 23 marzo, le autorità hanno comunicato a Putin di avere arrestate undici persone, tra le quali quattro che sono state direttamente coinvolte in questo attentato.

Infine, nel parcheggio del teatro è stata trovata anche un’auto ripiena di diversi chili di esplosivo. Le autorità locali hanno subito provveduto a mettere in sicurezza l’area circostante.

Impostazioni privacy