Il sorriso della medusa: il documentario di Chico Forti sul delitto di Gianni Versace

Nel caso giudiziario di Chico Forti, rientra anche un documentario dal titolo Il sorriso della medusa, che l’italiano girò dopo il delitto di Gianni Versace.

Chico Forti Il sorriso della medusa
Chico Forti e una scena di Il sorriso della medusa (YahooMagazine.com)

Il rientro in Italia di Chico Forti, dopo anni di detenzione negli USA dove era stato condannato all’ergastolo per omicidio, ha riaperto tutta una serie di questioni riguardanti questo eclatante caso giudiziario. L’imprenditore italiano viene accusato dell’omicidio di Dale Pike, un uomo che avrebbe tentato di truffare, ma si è sempre proclamato innocente e alla sua innocenza credono in molti.

Addirittura, ci sono diverse persone coinvolte direttamente in questa vicenda che si sono schierate apertamente dalla parte di Chico Forti. L’imprenditore italiano, nel frattempo, sta passando le sue prime giornate nel nostro Paese, dove viene detenuto per scontare il resto della pena, chiedendo di poter incontrare alcune persone, in primis l’anziana madre.

Di cosa parla il documentario Il sorriso della medusa di Chico Forti

gianni versace ucciso
I soccorsi a Gianni Versace (YahooMagazine.com)

Il suo ritorno nel nostro Paese, accolto addirittura da Giorgia Meloni, viene salutato con gioia da tutti coloro che credono alla sua innocenza, ma contestualmente c’è una larga fetta dell’opinione pubblica che pensa che le prove della colpevolezza di Chico Forti ci siano, eccome. Tra gli innocentisti, c’è chi lega la condanna dell’imprenditore a un documentario che questi ha girato nel 1997.

Quell’anno, a Miami, viene ucciso uno dei più noti italiani all’estero, ovvero lo stilista Gianni Versace: per la polizia del posto, il colpevole di quel delitto si chiama Andrew Cunanan, ma Chico Forti non crede a questa versione ufficiale dei fatti e per questo si mette a indagare e realizza appunto il documentario “Il sorriso della medusa”, che arriva anche in Italia e viene trasmesso su Raitre, che lo produce.

Successivamente, il lavoro viene riproposto sui canali ufficiali che sostengono l’innocenza di Chico Forti, che anzi ritengono che ci sia stata una sorta di ritorsione da parte della polizia di Miami nei confronti dell’imprenditore italiano, proprio dopo che questi realizzò il documentario, una vera e propria controinchiesta sulla morte di Gianni Versace, che mette sotto accusa le stesse forze dell’ordine.

Dal documentario emergono ad esempio alcuni aspetti che non tornano e si sostiene anche la tesi che il presunto assassino di Gianni Versace non si sarebbe suicidato, ma sarebbe stato ucciso in un blitz. Per chi crede nell’innocenza di Chico Forti, non può essere un caso che appena qualche mese dopo quel documentario, l’imprenditore sia stato messo sotto accusa per omicidio.

Di seguito, vi proponiamo il documentario realizzato da Chico Forti:

Impostazioni privacy