Mestre, cade da un lucernario durante l’ispezione sul tetto del teatro: morto impresario

Un impresario di 45 anni ha perso la vita questa mattina dopo essere precipitato da un lucernario di un teatro a Mestre durante un’ispezione.

Ambulanza
Ambulanza (Yahoomagazine.com)

È precipitato nel vuoto nel corso di un sopralluogo sul tetto di un teatro con alcuni funzionari del Comune. Così sarebbe morto un impresario di 45 anni nella mattinata di oggi a Mestre, in provincia di Venezia: il 45enne sarebbe piombato al suolo dopo un volo di diversi metri.

Istantaneamente è stato richiesto l’intervento dei sanitari del 118 che sono subito arrivati sul posto. Purtroppo, per l’impresario era troppo tardi: ai soccorritori non è rimasto altro che appurarne il decesso. Troppo gravi i traumi riportati nella caduta. Accorse anche le forze dell’ordine che ora stanno cercando di chiarire la dinamica del tragico incidente.

Mestre, precipita da un lucernario del Teatro Momo: muore impresario 45enne

Polizia Locale
Polizia Locale (Yahoomagazine.com)

Dramma questa mattina, venerdì 5 aprile, a Mestre, in provincia di Venezia, dove un impresario di 45 anni, di cui non è stata resa nota l’identità, ha perso la vita mentre durante un sopralluogo.

Secondo le primissime informazioni, apprese da alcune fonti locali e dalla redazione de Il Resto del Carlino, il 45enne si trovava sul tetto del Teatro Momo, insieme a due funzionari del Comune ed altri operai, per effettuare un’ispezione per delle infiltrazioni d’acqua. Per cause ancora da chiarire, l’impresario è caduto dal lucernario dello stabile piombando al suolo dopo un volo di diversi metri.

La centrale operativa, dopo la segnalazione, ha inviato sul posto un equipaggio del 118 che ha provato a rianimare il 45enne, ma non è stato possibile far altro che appurarne la morte, sopraggiunta praticamente sul colpo.

Sul posto anche le forze dell’ordine

Intervenuti sul posto anche gli agenti della Polizia Locale e gli uomini della Polizia Scientifica che hanno condotto i rilievi di legge in modo da determinare la dinamica della tragedia costata la vita all’impresario. Per tutti gli accertamenti, l’edificio, sito in via Dante, è stato transennato e vietato l’accesso anche al parco pubblico adiacente.

Il sindaco di Venezia, Luigi Brugnaro, attraverso un post pubblicato sui social, ha espresso il proprio cordoglio alla famiglia dell’impresario. In segno di lutto, prima dell’inizio di una conferenza, è stato osservato un minuto di silenzio.

Impostazioni privacy