Napoli, il presidente De Laurentiis: “Lo stadio Maradona impossibile da rifare, Bagnoli unica opzione”

Per il nuovo stadio del Napoli arriva l’annuncio direttamente di Aurelio De Laurentiis: Maradona da scartare, Bagnoli unica pista in piedi.

Aurelio De Laurentiis
Nuovo stadio del Napoli, arriva l’annuncio da parte di Aurelio De Laurentiis (Yahoomagazine.com)

La stagione del Napoli fino a questo momento è stata davvero da dimenticare. La proprietà ha praticamente sbagliato ogni scelta possibile, a partire da quelle legate ai vari allenatori che si sono succeduti senza ovviamente dimenticare il direttore sportivo. Nessuno, infatti, fino a questo momento è riuscito a garantire l’apporto che ci si aspettava. Né Rudi Garcia, né Walter Mazzarri, né Francesco Calzona e nemmeno Mauro Meluso. In estate sarà rifondazione, ma prima di tutto bisogna dare una struttura solida ad un club troppo convergente nella figura del suo presidente. Che non ha più nessuna figura intermedia con il quale confrontarsi al momento.

C’è tanta incertezza nel futuro di questo club, dal momento che si ignora chi ricoprirà diverse figure che saranno poi centrali nel progetto. Altri punti interrogativi campeggiano anche circa il tema relativo alla casa che avrà questo club. Come annunciato in una intervista concessa Radio Napoli Centrale dallo stesso Aurelio De Laurentiis, infatti, i colori azzurri potrebbero seriamente andare via presto dallo stadio Diego Armando Maradona. La nuova casa sarà probabilmente Bagnoli ed i motivi sono stati molto lucidamente spiegati dal patron del Napoli, che chiude così le polemiche e lo scambio dialettico col sindaco Manfredi. Vediamo le ultime notizie a tal proposito.

Nuovo stadio Napoli, l’annuncio di Aurelio De Laurentiis

Stadio
Nuovo stadio del Napoli, annuncio su Bagnoli: ecco perché è stato scelto (Yahoomagazine.com)

Il Maradona, come spiegato da De Laurentiis, è una soluzione da scartare per il futuro del Napoli per un discorso di sostenibilità dei lavori. A quanto pare, infatti, i lavori sarebbero davvero massici ed il Napoli sarebbe costretto a giocare lontano dal golfo, in stadi più piccoli come quelli di Avellino o Benevento. Così facendo, però, dal momento che dureranno alcuni anni, i danni sarebbero davvero enormi.

La zona individuato dal presidente azzurro sarebbe quella del Parco dello Sport a Bagnoli. I lavori di bonifica dovrebbero concludersi, nella zona interessata, tra il 2025 ed il 2026 e sarebbe grande a sufficienza, trattandosi di due lotti da 35 e 30 ettari, per costruirci il nuovo stadio, il centro sportivo ed anche un impianto per il tennis. Questi 65 ettari sarebbero la nuova zona del Napoli e De Laurentiis ha annunciato di non aver bisogno di aiuti e finanziamenti esterni. Insomma, dopo la scelta sul direttore sportivo il patron si concentra sullo stadio.

Nuovo stadio Napoli, De Laurentiis sicuro: “Bagnoli la scelta giusta”

L’obiettivo è quello di costruire un impianto da 50-60mila posti che faccia concorrenza ai più grandi stadi del mondo. Scartata, dunque, a quanto pare l’idea avanzata qualche tempo fa su uno stadio molto piccolo ed elitario. Insomma, l’idea pare proprio quella di dare ai napoletani una nuova casa.

Impostazioni privacy