Ragazzo trovato morto in casa: a lanciare l’allarme la madre

Nel pieno centro di Viterbo, ieri pomeriggio, un ragazzo di 30 anni è stato trovato morto all’interno dell’appartamento in cui viveva. Sul posto i soccorsi e le forze dell’ordine.

Ambulanza e carabinieri
Ambulanza e carabinieri (Yahoomagazine.com)

Dramma nel tardo pomeriggio di ieri a Viterbo, dove un ragazzo di 30 anni è stato trovato privo di vita all’interno dell’abitazione in cui viveva, un appartamento di un palazzo sito nel pieno centro storico del capoluogo di provincia.

L’allarme è stato lanciato dalla madre, che viveva insieme al 30enne. Dopo la chiamata della donna, sul posto sono arrivati i soccorritori del 118 che hanno potuto solo dichiarare la morte del giovane. In corso le indagini delle forze dell’ordine che stanno ora cercando di ricostruire quanto accaduto. In tal senso, nelle prossime ore potrebbe essere disposta l’autopsia sulla salma.

Viterbo, 30enne trovato morto all’interno di un appartamento: indagano i carabinieri

Carabinieri
Carabinieri (Yahoomagazine.com)

Un giovane di 30 anni, di cui non sono state rese note le generalità, è stato trovato morto nella casa in cui viveva con la madre nel pieno centro storico di Viterbo.

La tragica scoperta, come riportano varie testate locali e la redazione dell’Ansa, è avvenuta nel tardo pomeriggio di ieri, martedì 21 maggio, quando la madre, con cui il 30enne viveva, ha lanciato l’allarme chiamando il numero unico per le emergenze.

Presso l’appartamento, sito in un appartamento di via Roma, è arrivata un’ambulanza con a bordo lo staff medico del 118, le volanti della Polizia Locale di Viterbo ed i carabinieri. Ai soccorritori non è rimasto altro che constatare la morte del ragazzo.

Sulla tragedia stanno indagando i militari dell’Arma che hanno provveduto agli accertamenti e le verifiche presso l’abitazione in modo da determinare le cause della morte. L’ipotesi più accreditata è quella del gesto estremo.

La salma a disposizione dell’autorità giudiziaria

Da quanto emerso, pare che il 30enne da tempo fosse stato sottoposto alla misura degli arresti domiciliari e nei mesi scorsi aveva tentato di togliersi la vita gettandosi dalla finestra della sua abitazione. La salma è ora a disposizione dell’autorità giudiziaria che nelle prossime ore potrebbe stabilire ulteriori esami tra cui l’autopsia. Sotto shock, appresa la notizia, i residenti della zona in cui si è consumata la tragedia.

Impostazioni privacy