Sergio Cosmai vittima di mafia: la sua storia in tv su Raiuno

A Cose Nostre, su Raiuno, la vicenda di Sergio Cosmai, direttore del carcere di Cosenza e ucciso in un agguato mafioso.

sergio cosmai
Ritratto di Sergio Cosmai (YahooMagazine.com)

Pugliese di Bisceglie, classe 1949, Sergio Cosmai è stato uno dei personaggi simbolo che maggiormente si è impegnato nella riorganizzazione delle carceri di cui è stato il direttore. Vice Direttore della Casa Circondariale di Trani, poi passo a Lecce, Palermo, Locri, Crotone e Cosenza. Soprattutto in questo ultimo penitenziario, di cui fu direttore, si è impegnato in prima persona in un contesto di ammodernamento.

La cultura della legalità e rispetto, innanzitutto, ma poi anche un forte contrasto a chi – tra i detenuti – voleva ottenere dei privilegi o aveva una situazione di vantaggio rispetto ad altri. Trasferimenti forzati e sicuramente necessari, oltre alla revoca di concessioni di semilibertà e appalti sospetti, furono per diverso tempo i punti cardine del suo operato dentro il carcere di Cosenza.

La tragica morte di Sergio Cosmai: perché la mafia disse che doveva morire?

sergio cosmai mafia
Una foto d’archivio di Sergio Cosmai (YahooMagazine.com)

Della sua tragica morte si occupa la trasmissione “Cose Nostre”, in onda su Raiuno: una morte che è scaturita da un rifiuto molto netto e duro che Sergio Cosmai fece nei confronti di un boss mafioso, il quale espresse il desiderio di incontrarlo. Di fronte al rifiuto, il boss – che si chiamava Franco Perna – ne ordinò l’omicidio. Il 12 marzo 1985, mentre tornava da un’ispezione a Vibo Valentia, Cosmai fu ferito in un agguato.

Morì il giorno dopo: un mese dopo, la moglie Tiziana partorì il loro secondogenito, che non ha quindi mai potuto conoscere il padre. Una vita coraggiosa quella di Sergio Cosmai, spezzata a solo 36 anni per essersi ribellato al potere mafioso. I responsabili del delitto furono inizialmente condannati all’ergastolo, ma poi assolti in appello: successivamente divennero collaboratori di giustizia e confessarono.

Non fu però mai possibile condannarli a causa della precedente assoluzione, mentre nel 2012 venne condannato in via definitiva in quanto mandante il boss Franco Perna. A Sergio Cosmai sono dedicate scuole, vie e strutture sportive, e in anni recenti è arrivato il riconoscimento dello Stato, con la Medaglia d’oro al Merito Civile alla Memoria.

Domenico Mammolenti, suo collaboratore dell’epoca, ricorda di Sergio Cosmai in un’intervista: “Di fronte alle leggi dello Stato non esistevano né familiari né amici. Rispettava le regole e soprattutto le persone, i detenuti in primis. Dava loro la dignità che gli veniva riconosciuta dalla Costituzione”. Ricorda inoltre come l’obiettivo di Cosmai fosse porre un freno all’arroganza mafiosa, salvaguardando invece i detenuti più deboli.

Impostazioni privacy