Spagna, tragedia familiare: ingegnere uccide la moglie e i figli di 8 anni, poi si suicida

Un uomo di 42 anni ha ucciso la moglie e i suoi figli, due gemellini di 8 anni, poi si è suicidato: è accaduto nei giorni scorsi in Spagna.

Polizia spagnola
Polizia spagnola (Yahoomagazine.com)

Orrore in Spagna, dove un uomo di 42 anni ha ucciso la moglie 43enne e i suoi due figli, due gemellini di 8 anni, poi si è tolto la vita. La tragedia si è consumata ad El Prat de Llobregat, nella provincia di Barcellona, nel pomeriggio di martedì.

Sul caso sono ancora in corso le indagini, ma stando a quanto hanno ricostruito dalle forze dell’ordine spagnole, il 42enne avrebbe assassinato la moglie ed i figli, poi si è recato presso la stazione comunale e si è gettato sotto un treno. Giunti sul posto, gli agenti hanno trovato un biglietto di scuse nell’auto dell’uomo, così si sono precipitati presso la sua abitazione rinvenendo i cadaveri della donna e dei due bambini.

El Prat de Llobregat, 42enne uccide la moglie e i figli poi si toglie la vita

Polizia spagnola
Polizia spagnola (Yahoomagazine.com)

Ha ucciso moglie e figli, poi si è suicidato. Questo quanto avrebbe commesso un ingegnere di 42 anni martedì 9 aprile ad El Prat de Llobregat, nella provincia di Barcellona, in Spagna. Le vittime sono la moglie, di 43 anni, e i due figli, due gemellini di 8 anni.

La dinamica dei fatti è ancora al vaglio delle autorità locali, ma stando a quanto ricostruito sino ad ora, come riferiscono alcune fonti spagnole tra cui il quotidiano El Pais, il 42enne avrebbe assassinato la donna ed i due bimbi all’interno della loro abitazione, un appartamento in cui si erano da poco trasferiti. Successivamente, l’ingegnere ha lasciato l’abitazione e si è recato presso la stazione ferroviaria comunale. Qui, ha superato le barriere di protezione e si gettato sotto un treno togliendosi la vita.

Immediatamente, chi ha assistito alla tragedia ha chiamato i soccorsi che, una volta sul posto non hanno potuto far altro che appurare la morte del 42enne. Gli agenti, poco dopo, hanno rinvenuto nell’auto dell’uomo un biglietto in cui si scusava per quanto aveva appena commesso.

Le forze dell’ordine, a quel punto, si sarebbero precipitate presso l’appartamento della famiglia facendo la tragica scoperta: i corpi senza vita della 43enne e dei figli. Del caso si stanno occupando i Mossos d’Esquadra che stanno cercando di ricostruire nel dettaglio la dinamica dei fatti: al momento pare che i tre siano morti per asfissia, dato che non sono stati trovati evidenti segni di violenza sui cadaveri. A stabilirlo sarà l’autopsia.

Cosa è emerso al momento

Da quanto emerso, sembra che non vi fossero precedenti per maltrattamenti a carico del 42enne e non era in corso nessuna causa di separazione. A Confermarlo la Tsjc (Corte Superiore di Giustizia della Catalogna). Non è chiaro cosa abbia spinto l’uomo a compiere un simile gesto: secondo quanto appurato, pare che soffrisse di depressione e stava attraversando un momento difficile dal punto di vista economico.

Impostazioni privacy