Taranto, dramma in un cantiere: operaio di 59 anni muore folgorato

Un operaio di 59 anni è morto folgorato mentre era impegnato in alcuni lavori sulla strada regionale 8 Taranto-Avetrana. Inutili i soccorsi.

Casco operaio
Casco da operaio (Yahoomagazine.com)

Incidente mortale sul lavoro in Italia, l’ennesimo. La tragedia si è consumata questa mattina a Taranto, in un cantiere installato sulla strada regionale 8 Taranto-Avetrana, dove un operaio di 59 anni è rimasto folgorato mentre azionava una motopompa per la gettata di cemento.

Scattato l’allarme, presso il cantiere è intervenuto lo staff medico del 118, ma per l’operaio era ormai troppo tardi: è stato possibile solo dichiararne il decesso. Inutile ogni tentativo di rianimazione. Sul posto anche le forze dell’ordine a cui spetterà adesso ricostruire la dinamica dell’incidente costato la vita al 59enne.

Taranto, incidente sul lavoro: operaio di 59 anni muore folgorato

Ambulanza
Ambulanza (Yahoomagazine.com)

Un operaio ha perso la vita questa mattina, martedì 9 aprile, mentre era impegnato nei lavori di costruzione di un ponte lungo la nuova superstrada Taranto-Avetrana. La vittima è Angelo Cotugno, 59enne originario di San Marzano di San Giuseppe e dipendente della ditta Semat.

Cotugno, secondo quanto ricostruito al momento, come scrive la redazione de La Gazzetta del Mezzogiorno, avrebbe azionato una motopompa per la gettata di cemento, ma per cause ancora da stabilire, è stato raggiunto da una potente scarica elettrica rimanendo folgorato.

Pochi minuti e sul posto è arrivato un equipaggio del 118 che ha provato in tutti i modi a rianimare l’operaio, ma ogni tentativo non ha dato l’esito sperato. Alla fine, i medici si sono arresi dichiarandone la morte.

Intervenuti gli agenti della Polizia di Stato che hanno provveduto alle verifiche e gli accertamenti del caso in modo da ricostruire la dinamica della tragedia. Secondo i primi accertamenti, pare che la parte del mezzo da cui usciva il cemento abbia toccato i cavi dell’alta tensione. Sulla tragedia è stata aperta un’inchiesta dalla Procura della Repubblica di Taranto.

Qualche giorno fa un altro incidente mortale

È l’ennesima tragedia sul lavoro che si verifica nel nostro Paese. Solo qualche giorno fa in località Ferretto, nel comune di Castiglione del Lago, in provincia di Perugia, un operaio di 55 anni era stato travolto dal muletto, condotto da un collega, mentre lavorava in un deposito di concime. A nulla erano serviti i tentativi di rianimazione del personale medico giunto sul posto.

Impostazioni privacy